cane bianco con le macchie nere/ 30

Tag

, , , , ,

P1030009-1

come accennato sopra, il modo di fare di cane bianco con le macchie nere serve per far capire ai malcapitati gatti chi è che comanda, ma osservando i suoi movimenti e i suoi gesti ho notato che tutto è rivolto alla soddisfazione del vecchio adagio che dice: chi non mangia ha già mangiato.

cane bianco con le macchie nere/ 29

Tag

, , , , ,

P1030009-1

ho già detto più volte che cane bianco con le macchie nere spesso non mangia le sue scatolette e che le scatolette di cane bianco con le macchie nere spesso sono mangiate dai gatti. A guardare bene, però, una spiegazione c’è. Ho scoperto, osservando i movimenti di cane bianco con le macchie nere, che prima di pranzo e cena va in avanscoperta e si infila dappertutto e se non mangia la sua scatoletta di carne appetitosa e invitante con tante verdure e proteine e ferro eccetera è perchè ha scovato le razioni di crocchette dei gatti e con la sua proverbiale spavalderia nei confronti di chi è più piccolo di lui, le ha mangiate. È quindi naturale che poi i gatti vengano a mangiare le sue scatolette. Naturalmente sotto lo sguardo vigile di cane bianco con le macchie nere. Come per far vedere chi è che comanda nel microcosmo animalesco di via san Luigi.

cane bianco con le macchie nere/ 28

Tag

, , , , ,

P1030009-1

cane bianco con le macchie nere quando ho fatto notare che sembrava una perfetta e ben oliata macchina aerodinamica nel volteggio quasi elegante, mia suocera mi ha subito redarguito dicendo che non di eleganza trattavasi, ma bensì di mal di schiena, tremendo male che affligge lei come il suo cane. Era quasi arrabbiata e non le ho detto che da un paio di mesi anche io, per via del mio lavoro seduto al pc, soffro di mal di schiena.

cane bianco con le macchie nere/ 27

Tag

, , , , ,

P1030009-1

cane nero con le macchie bianche, quando corre, mi ricorda il pinco panco, quel gioco di bambino per cui con la spinta delle gambe si fa giù e su, aiutati dal peso del corpo dei due che stanno alle estremità del legno, con in mezzo un perno che permette l’alternarsi dell’inclinazione. Mi ricorda il pinco panco perchè quando corre è un po’ rigido e nel salto svolazza col muso rivolto verso l’alto. Nell’atterraggio, invece, svolazza col muso rivolto verso il basso. Il corpo in perfetta linearità. Sia in salita che in discesa pare rigido e quasi elegante nel suo incedere, quasi una perfetta e ben oliata macchina aerodinamica.

cane bianco con le macchie nere/ 26

Tag

, , , , , ,

P1030009-1

tra le altre cose, cane bianco con le macchie nere non è proprio costretto a dormire sul divano, perchè in cucina possiede il suo letto apposito, cioè una struttura metallica rettangolare con un telo di cotone tirato da tutti i lati, come una specie di amaca ma ben stesa e che permette di rimbalzare se ci si salta sopra. Io quando i miei amici andavano a saltare sulle molle, che poi hanno la stessa organizzazione del letto di cane bianco con le macchie nere, provavo una punta di invidia, ma le duemila lire necessarie non le avevo e mia madre, se gliele chiedevo, non me le dava per saltare sopra un letto di cane, ma lo capisco solo ora.

cane bianco con le macchie nere/ 25

Tag

, , , , ,

P1030009-1

il fatto sconvolgente è che fino a qualche tempo fa cane bianco con le macchie nere arrivava di corsa in sala e in tutta leggiadria saltava sul divano, senza il minimo segno di affanno. A dire la verità, si trattava di pochi mesi fa, verso la fine dell’estate scorsa.

cane bianco con le macchie nere/ 24

Tag

, , , , ,

P1030009-1

cane bianco con le macchie nere quella sera della vigilia, dopo aver scartato i regali, giocato col nastro di organza e essersi spaventato per la fiammata nel camino come quella dell’anno precedente, voleva salire sul divano che gli era consentito, anche se c’era la bambina al suo posto. Poste le zampe anteriori sul cuscino del divano spingeva e spingeva, saltava e saltava, ma non riusciva a salire. E sì che aveva mangiato di magro. Poi, prima la cognata e poi la suocera, con la forza, si sono adoperate per farlo salire. Sopra il divano si è accucciato ed è rimasto lì, al calduccio, senza più muoversi fino all’ora della passeggiata notturna.